ottimizzare un sito in wordpress per ottenere il massimo dal seo

Guida all’ ottimizzazione SEO di WordPress

Per avere un sito di successo è necessario che tale sito sia facilmente trovabile da tutti gli utenti del web. Per fare ciò, non basta avere una bella grafica e un buon dominio. E' necessario adottare delle piccole ma utilissime linee guida per rendere il sito SEO Friendly (Search Engine Friendly), renderlo cioè facilmente trovabile mediante le ricerche dei motori di ricerca. Da diversi studi risulta infatti che un sito posizionato come prima opzione nelle ricerche di google può avere anche il doppio delle visite rispetto al secondo e anche trenta volte in più rispetto al quinto.

L'ottimizzazione per i motori di ricerca è dunque un elemento da non trascurare assolutamente se vogliamo che un sito abbia visitatori. L'istallazione standard di Wordpress da una buona impostazione Search Engine Friendly al sito, grazie appunto alle sue caratteristiche. Ma questo non basta per essere i migliori. Per essere primi nei motori di ricerca bisogna seguire come già detto delle linee guida, che possono essere racchiuse in cinque capitoli diversi:

COSA FACCIAMO  PER MIGLIORARE IL SEO DI WORDPRESS?

- Struttura del sito La presentazione del sito ai Robots che si occupano dell'indicizzazione è fondamentale.

- Organizzazione dei contenuti Ordinare i contenuti rende il tutto più "cercabile" e meglio gestibile.

- Scrittura dei contenuti Anche i contenuti devono seguire delle linee guida per essere indicizzati al meglio.

- Interazione Non sono solo gli articoli a rendere un sito popolare. Bisogna trattare anche il lato sociale.

- Motori di ricerca Consigli finali per sfruttare al meglio il tuo blog.

STRUTTURA DEL SITO

1. Ottimizzazione del markup del template Non tutti i temi (ma anche i CSS) sono purtroppo validi secondo gli standard definiti dal W3C, quindi assicurati prima di tutto che il tuo lo sia. Il codice relativo ai contenuti degli articoli dovrebbe essere il più alto possibile nel , mentre il blocco di codice dei menu laterali dovrebbe venire subito dopo. Inoltre, l'utilizzo delle intestazioni ( H1 H2 ecc) per i titoli e i nomi di categoria aiuteranno.

2. Permalinks Utilizzo di URL statici per i tuoi contenuti. Nel caso tu abbia un sito già avviato da tempo nel quale utilizzi i redirect tramite codice di stato HTTP, NON CAMBIARE LA STRUTTURA DI PERMALINK per non perdere tutti i post linkati e l'eventuale indicizzazione. Nel caso il sito sia nuovo invece, il suggerimento è quello di utilizzare la seguente struttura di permalink, che elimina le informazioni di data per dare maggiore rilievo alle descrizioni e alle keyword: /%category%/%post_id%/%postname%/

3. I redirect tra argomenti simili Se un user sta leggendo un articolo su un determinato argomento, probabilmente sarà interessato a leggerne altri su argomenti simili. I motori di ricerca favoriscono questa ipotesi, dando risalto ai post con redirect verso altri post con argomenti simili. Tutto quello che devi fare è quindi linkare delle keyword significative (ma possono anche non esserlo) con altri articoli presenti nel tuo blog.

ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI

1. Categorie L'organizzazione è alla base di ogni sito ben ordinato. Se stai per scrivere un articolo, assicurati di aver creato una categoria che contenga bene l'articolo in questione. Sii rigido nell'assegnazione di un articolo ad una categoria; meglio avere più categorie ma articoli ben classificati. Non dimenticare poi di creare il collegamento alla categoria nel template dei tuoi post, altrimenti gli user non potranno vedere la categoria in questione.

2. Ordine degli articoli Se hai ben in mente quanti articoli e su che argomenti si baseranno, puoi organizzare al meglio il tuo lavoro. I motori di ricerca prediligono la pubblicazione in serie di argomenti simili, quindi è meglio pubblicare fin da subito tutti gli articoli con argomento A e poi tutti gli articoli con argomenti B.

3. Permetti ai tuoi articoli di essere ben ricercabili Wordpress permette di utilizzare due metodi per la ricerca: gli archivi e la ricerca stessa. Il modulo di ricerca è un semplice form, che ricerca gli argomenti all'interno del blog. Gli archivi possono invece essere ottimizzati per la ricerca mettendoli su base delle categorie e non su base del calendario. Gli user sono infatti più interessati a cercare un articolo per argomento che per data.

4. Utilizzo dei Tag I Tag cloud sono delle parole chiave utilizzati per trovare velocemente post relativi ad uno specifico argomento. L'utilizzo è decisamente consigliato per rendere il sito Search Engine Friendly.

SCRITTURA DEI CONTENUTI

1. Contenuto L'argomento dei contenuti del vostro blog sarà ovviamente una vostra decisione, ma potete fare il tutto utilizzando dei piccoli ma semplici accorgimenti che aiuteranno il sito a scalare le posizioni delle ricerche dei motori di ricerca.

  • Se un argomento è troppo lungo, non spezzettatelo lo stesso. Preferite l'uso del - more - per far leggere il tutto solamente nella pagina  dedicata all'argomento e non nella home.
  • Se un argomento è troppo vasto invece, consiglio di scrivere un articolo per ogni sotto-argomento e di trattarlo in modo esaustivo. 
  • Una sintesi dell'argomento lungo uno o due righe a inizio articolo aiuterà i lettori.
  • Le parole chiave devono essere ben ripetute nell'articolo, senza però esagerare. Inoltre vanno evidenziate in neretto.
  • Una volta completato la stesura dell'articolo rileggetelo e sintetizzatelo, senza divagare dall'argomento principale.
  • Controllare eventuali errori grammaticali e di ortografia.
  • Se possibile, aggiornate i contenuti con la regolarità che gli utenti si aspettano.

2. Come utilizzare i link Linkare, ovvero fornire un collegamento a una risorsa esterna, ha lo scopo di aiutare la lettura, approfondendo l'argomento in questione. Per linkare al meglio delle risorse si dovranno seguire delle piccole regole: - Se citate una risorsa potete linkarla. Se una risorsa può essere utile potete linkala. Evitate però di abusare dei redirect con collegamenti inutili o casuali. - Un link dovrebbe essere una frase che suona bene all'interno del testo in cui si trova. Ciò significa che dovrete prediligere i redirect su parole chiave. - Dare nomi descrittivi alle ancore dei link aiuta. Mettere descrizioni casuali o banali del tipo "clicca qui" no. - Anche dare dei titoli (Title) più descrittivi ai collegamenti aiuta. - L'utilizzo di URL mascherati, abbreviati, l'utilizzo di Javascript e contatori di link penalizza. I motori di ricerca prediligono i redirect puliti. Le regole appena descritte sono valide sia per i link interni (che puntano ad altre pagine dello stesso sito) sia per i siti esterni (altri siti del web).

3. Titoli degli articoli Solamente quando il post è stato ultimato, potete dare un titolo allo stesso. L'ideale è utilizzare una piccola frase che descriva bene il contenuto, non troppo corta non troppo lunga (l'ideale sarebbe un massimo di dodici parole). Una volta trovate un titolo, copiatelo e utilizzatelo come ricerca in un motore di ricerca, ad esempio Google. Guardate i risultati per capire chi saranno i vostri concorrenti. Se in prima pagina appare una corrispondenza esatta della vostra frase, è necessario ripensare al vostro titolo. E' importante essere originali, pensare a quali frasi saranno utilizzati da un utente che vuole cercare un articolo simile a quello appena scritto.

INTERAZIONE (NON LIMITARTI A PUBBLICARE ARTICOLI)

1. Permetti ai visitatori di commentare Abilita i commenti ai tuoi articoli, e incoraggia i visitatori a scrivere le proprie opinioni. Inserire spazi nei quali i visitatori possano esprimersi aiuterà il tuo sito a incrementare la familiarità dello stesso sito. Rispondere ai commenti poi è utilissimo per lo stesso motivo. Tutti i commenti contententi spam dovranno invece essere cancellati il prima possibile, per evitare eventuali penalizzazioni sia dai motori di ricerca che dagli user.

2. Trackback Se utilizzi un post di un altro blog per scrivere il tuo, o se approfondisci un tema trattato sempre su un altro blog, non dimenticarti di mettere un link al post e di utilizzare la funzione Trackback per mandare un ping al post al quale ti riferisci. Inviare Trackback è utile, l'importante è NON FARE SPAM SUI TRACKBACK.

3. Leggi e commenta anche gli altri Commentare altri blog può essere utile. Risposte intelligenti e ben scritte possono portare visitatori al tuo sito, l'importante anche qui è NON FARE SPAM NEI COMMENTI.

MOTORI DI RICERCA

1. Informazioni sui meta tag Come detto all'inizio, i robots indicizzano il tuo sito sui motori di ricerca. E' dunque di fondamentale importanza dargli accesso a tutte le pagine del sito che vogliamo indicizzare. Per fare ciò, è necessario che nella sezione di ogni pagina in questione sia presente il seguente tag: . Utile è anche il meta Tag Description () che fornisce una descrizione della pagina ai motori di ricerca. Utilizzare una descrizione personalizzata per ogni pagina è conveniente, in quanto faciliterà l'indicizzazione. Per concludere, è utile utilizzare anche il meta tag Keywords. Come detto prima, le keywords sono le parole chiave che servono a personalizzare ogni pagina/articolo del tuo blog e a facilitarne l'indicizzazione.

2. Google Sitemap Creare una Sitemap ben definita e funzionante del proprio sito è fondamentale per permettere ai motori di ricerca di indicizzare il tutto al meglio. Una sitemap può essere personalizzata in ogni più piccolo dettaglio, che può favorire la posizione sui motori di ricerca. Un ottimo plugin per automatizzare una Google Sitemap è giust'appunto il plugin Google Sitemap.

Informazioni generali: tutti i suggerimenti sopra riportati sono focalizzati per Wordpress e i blog in generale, ma molti di essi sono utili per una gran quantità di siti web.